Si tratta di progetti che coinvolgono le classi intere e che si svolgono di norma all’interno dell’orario curricolare, ma che possono prevedere attività da svolgersi all’esterno dell’Istituto e al di fuori del tempo-scuola.

ANTILOGOS

Torneo di argomentazione confutativa che mira a predisporre un dibattito strutturato in cui il ruolo del docente sia limitato a quello di facilitatore/mediatore mentre viene lasciata ai ragazzi la gestione e responsabilità di produrre argomenti a sostegno e contro una determinata tesi. L’obiettivo di fondo di tale progetto, infatti, è quello di sensibilizzare gli alunni al dibattito e al confronto su tematiche di rilevanza etica e sociale anche attraverso un coinvolgimento personale, sia emotivo che cognitivo. Si rivolge ai terzi e quarti anni di entrambi i Licei, si svolge in orario curricolare ed ha come referenti i rispettivi insegnanti di Storia e Filosofia.

 

EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA GLOBALE

L’Action Statement rilasciato dal Congresso Internazionale dei Delegati dell’Educazione della Compagnia di Gesù a Rio De Janeiro (Brasile, 2017) ha stimolato la promozione di una politica ambientale e sociale per ciascuna delle nostre scuole e la proposta di modi in cui le reti regionali possano chiaramente integrare la giustizia, la fede e la cura per l’ambiente all’interno dei curricula evidenziando pensiero critico, consapevolezza politica e sociale Con la collaborazione della Fondazione MAGIS e la partecipazione attiva alle iniziative della rete coordinata dal portale Educate Magis, l’Istituto propone attività e progetti relativi ai temi del rispetto per l’ambiente e dell’ecologia integrale, anche a partire dalla lettura dell’enciclica Laudato si’ di papa Francesco.

 

FLAG FOOTBALL

Il progetto prevede un insieme di attività da svolgersi durante una delle due ore di Educazione fisica nell’orario settimanale volte ad introdurre gli studenti al Football americano. Tali attività hanno la peculiarità di sviluppare la percezione e la consapevolezza del proprio corpo e della sua estensione nello spazio del campo di gioco. Oltre agli obiettivi educativi e didattici di natura fisica, sociale e cognitiva, il progetto si prefigge alcuni obiettivi di medio termine quali il coinvolgimento di più scuole nell’attività al fine di creare gemellaggi sportivi, lo studio dei paesi aderenti alla Federazione internazionale di Football Americano per rendere possibili viaggi di studio a carattere sportivo, comunicazioni e lezioni in lingua inglese, l’avviamento di un percorso di internazionalizzazione dell’esperienza sportiva scolastica. Il progetto è coordinato dagli educatori sportivi di lingua inglese e dal docente di Educazione Fisica ed è rivolto alle classi di I, II e III anno.

 

LAMPEDUSA

Progetto sociale, culturale e naturalistico riservato alle classi terze.

Lampedusa, piccola isola del Mediterraneo, è da sempre crocevia di civiltà, culture e viaggi. Negli ultimi anni le coste dell’isola sono diventate uno dei principali approdi dei flussi migratori che provenendo dall’Africa si dirigono verso l’Europa. Ma Lampedusa è anche un mondo a sé, l’esempio di una vita difficile, che impone rinunce, ma al tempo stesso affascinante e appagante.

Questi i principali motivi che hanno portato ad inserire nel percorso formativo dei ragazzi del triennio il viaggio nell’isola: quattro giorni in cui ci si immerge in una realtà che la vita nei grandi centri ha perso.

Caratteristica del soggiorno è l’incontro. I ragazzi avranno la possibilità di ascoltare, interagire e confrontarsi con molti interlocutori: dagli studenti del locale liceo Pirandello agli artigiani, dal curatore dell’Archivio Storico ai volontari che tengono in vita il Centro Soccorso e Cura Tartarughe Marine.

Una giornata è dedicata all’aspetto naturalistico e paesaggistico: i responsabili di Legambiente accompagneranno i ragazzi in un’escursione all’Isola dei Conigli all’interno della Riserva Naturale Orientata “Isola di Lampedusa”.

Particolare attenzione è riservata alla sensibilizzazione verso l’accoglienza del migrante. I ragazzi effettuano un percorso a scuola in modo da arrivare già consapevoli della tematica. Nell’isola sono organizzati diversi incontri: con i rappresentanti dell’istituzione (Sindaco o persona da lui designata), con il collettivo Askavusa (impegnato per la difesa dei diritti civili dei migranti), con i responsabili del progetto “Mediterranean Hope” e con il parroco dell’isola. Il progetto si svolge a fine maggio, con la collaborazione del Dipartimento di Pastorale.

 

LEGALITÀ

Il progetto si propone due obiettivi: favorire negli alunni lo sviluppo del senso di legalità inteso in tutte le sue forme – dal vivere quotidiano alla conoscenza dei più importanti fenomeni d’illegalità – e promuovere un percorso di studio e riflessione critica sui testi di riferimento del Diritto Costituzionale e Penale. Tale progetto si avvarrà anche della possibilità di alcuni incontri (in orario curricolare ed extracurricolare) con esperti di materia.

 

MASSIMO IN MOSTRA

Si configura come una galleria espositiva della creatività o di ricerche personali realizzate dagli alunni dei Licei, nelle varie forme dell’arte visiva e multimediale. Sono coinvolti tutti i plessi d’Istituto e l’intento è quello di creare una forte sinergia tra i differenti ordini scolastici. Ne sono coordinatori gli insegnanti di Disegno e Storia dell’Arte.

 

SIRACUSA – A teatro con gli antichi

Per non perdere i valori legati alla tradizione culturale delle nostre scuole, agli alunni di entrambi i Licei viene proposto un approfondimento sulla tragedia greca. Il corso si conclude alla fine del mese di maggio con un viaggio per assistere alle rappresentazioni presso il Teatro geco di Siracusa, occasione utile anche per visitare la Valle dei Templi di Agrigento, Taormina, Val di Noto, Piazza Armerina (St. dell’Arte) e l’Etna (Scienze).

Le spese per il viaggio, il soggiorno e le rappresentazioni teatrali sono a carico degli studenti.

 

VIAGGIO DI RETE DEL V ANNO

Ormai da diversi anni, gli studenti dell’ultimo anno dei licei partecipano a una visita d’istruzione insieme ai loro coetanei provenienti da tutti i collegi della Provincia EUM della Compagnia di Gesù. Il progetto ha l’obiettivo di perfezionare la conoscenza dello stile ignaziano pluridisciplinare attraverso l’osservazione della realtà circostante e il metodo dell’inculturazione che favoriscono l’incontro e l’arricchimento di tutte le parti coinvolte.

L’iniziativa, di norma, coinvolge anche il dipartimento di Pastorale.

Presumendo che non tutti gli studenti abbiano maturato una decisa adesione di fede e in spirito di accoglienza di ogni cammino e di ogni storia singolare, in accordo con la Pastorale di Rete FGE, la scuola propone a quanti decidono di non avvalersi dell’iniziativa degli Esercizi Spirituali, un campo sulle regole di discernimento per facilitare le decisioni importanti durante le fasi di transizione più significative.